Meglio investire in ETF o fondi attivi? Un confronto oggettivo sui rendimenti

Approfondimenti
Euclidea

Euclidea

Redazione

Scopri la gestione patrimoniale Euclidea

Come si comportano i fondi attivi nei confronti dei fondi a gestione passiva, gli ETF? Già a suo tempo, William Sharpe[1], ha ricordato come il ritorno medio di un fondo attivo sia inferiore al ritorno medio passivo per costruzione. Tuttavia, questo è vero per dollaro medio investito, ciò significa che, potenzialmente, la dispersione attorno alla media può essere elevata. Per questo motivo crediamo sia importante analizzare come i fondi attivi si sono comportati rispetto ai loro alter ego passivi.

Il metodo di analisi

Abbiamo selezionato le asset class più rilevanti e gli abbiamo associato gli ETF più rappresentativi delle stesse. Dopodiché, per tutti i fondi UCITS di ciascuna asset class, abbiamo deciso di selezionare due share class, una istituzionale ed una retail, confrontandole con l’ETF scelto.

I risultati

  1. I fondi attivi che investono in azioni e obbligazioni governative, tendono a sottoperformare i corrispondenti ETF, mentre nel credito (high yield e corporate) è presente una quota significativa di fondi attivi che sovraperformano le loro controparti passive. Ciò tuttavia è valido solo per le classi di azioni istituzionali. Per le classi retail, i fondi attivi deludono quasi ovunque (questo è dovuto al fatto che le commissioni aumentano, nei fondi obbligazionari, in proporzione maggiore rispetto alla volatilità tipica dell’asset class).

Abbiamo interpretato questi risultati come il frutto di problematiche strutturali degli indici obbligazionari (ed in particolare di credito). Tra queste: il fatto che la ponderazione standard preveda che l’emittente più indebitato sia anche il più rappresentativo, mentre il fondo a gestione attiva può fare risk arbitrage, così come accedere ad emissioni sul mercato primario.

  1. In seguito, abbiamo filtrato i fondi che hanno prodotto risultati superiori al corrispondente ETF nell’arco di tutti e 5 gli anni oggetto di studio e abbiamo controllato in quanti, di questi 5 anni, tali fondi abbiano fatto meglio dell’ETF. Ciò che è emerso è che solo nei fondi high yield una quota consistente di fondi ha sovraperformato l’ETF in ciascuno dei cinque anni. Questo può essere dovuto al modo in cui è costruito l’indice che l’ETF replica o alla capacità dei fondi attivi di generare alfa in modo costante.
  2. Nell’ultima parte dello studio, che riguarda solo i fondi attivi, è emerso che per molte asset class, specialmente azionarie, non si può escludere che la persistenza dei fondi nel primo quartile sia esclusivamente frutto del caso.

Richiedi l’analisi gratuita del tuo investimento

I nostri esperti valuteranno con parametri oggettivi la qualità e i costi del tuo portafoglio

In conclusione

Lo studio dimostra che non esiste uno strumento in assoluto migliore dell’altro, ma dipende dall’asset class di riferimento. Per i bond governativi e azioni americane gli ETF sono quasi sempre la migliore scelta; situazione opposta, a favore dei gestori attivi, nei mercati del credito (high yield e investment grade). Più bilanciata la situazione sui mercati emergenti e sull’azionario Europa, dove variabili come volatilità e liquidità,  possono generare opportunità maggiori o minori  per il gestore attivo. Naturalmente c’è molto da dire ancora sulla diatriba tra gestione passiva ed attiva, ma una cosa è certa: che si tratti di gestione attiva o passiva, gli investitori richiedono maggiori rendimenti; quindi, in prima battuta, commissioni più basse. Ad oggi, però, i benefici di una gestione attiva non sempre valgono quanto le commissioni pagate per generarli.

[1] William Sharpe, economista statunitense, vincitore, insieme a Harry Markowitz e Merton Miller, del premio Nobel per l’economia nel 1990.

Euclidea

Euclidea

Redazione

Valuta ora la nostra proposta di investimento

Ottieni il tuo portafoglio personalizzato in 2 minuti.

Scarica il White Paper

Ricevi subito lo studio completo di Euclidea

Grazie, controlla la tua email.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di marketing, nostri e di terze parti. Proseguendo con la navigazione, ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi